sabato 20 ottobre 2018

Ventiduesima domenica dopo Pentecoste a Perugia


Santa Messa cantata alle ore 17:00 preceduta dalla recita del Santo Rosario alle ore 16:30.
Presso la chiesa del Gesù, piazza Matteotti, a Perugia.
In orario prefestivo il sabato.
Celebrante padre Camillo Corbetta.

(photo by Alessandro Franzoni)


https://www.instagram.com/p/BpKWEQAA_bA/





VANGELO

In illo témpore: Abeúntes pharisaei consílium iniérunt, ut cáperent Iesum in sermóne. Et mittunt ei discípulos suos cum Herodiánis, dicéntes: Magíster, scimus, quia verax es et viam Dei in veritáte doces, et non est tibi cura de áliquo: non enim réspicis persónam hóminum: dic ergo nobis, quid tibi vidétur, licet censum dare Caesari, an non? Cógnita autem Iesus nequítia eórum, ait: Quid me tentátis, hypócritæ? Osténdite mihi numísma census. At illi obtulérunt ei denárium. Et ait illis Iesus: Cuius est imágo hæc et superscríptio? Dicunt ei: Caesaris. Tunc ait illis: Réddite ergo, quæ sunt Caesaris, Caesari; et, quæ sunt Dei, Deo.

(Vangelo secondo Matteo 22, 15 - 21)

Traduzione:

In quel tempo: Adunatisi, i Farisei tennero consiglio per sorprendere Gesú nel suo parlare. Gli mandarono i loro discepoli con gli Erodiani a dirgli: Maestro, sappiamo che sei veritiero e insegni la via di Dio secondo la verità, e non hai riguardo per alcuno, poiché non guardi alla persona degli uomini: dicci il tuo parere: è lecito o no pagare il tributo a Cesare? Ma Gesú, conoscendo la loro malizia, rispose: Ipocriti, perché mi tentate? Mostratemi la moneta del tributo. Ed essi gli presentarono un denaro. E Gesú disse loro: Di chi è questa immagine e questa iscrizione? Gli risposero: Di Cesare. Ed allora Gesú: Rendete dunque a Cesare quel che è di Cesare, e a Dio quel che è di Dio.

martedì 16 ottobre 2018

Ordinazione Sacerdotale in Rito Antico di don Markus a Coira (Chur), Svizzera


Santa Messa Pontificale d'Ordinazione Sacerdotale
nella Forma Straordinaria del Rito Romano
del nostro caro amico don Markus Williams,
presso Coira (Chur) in Svizzera,
il 13 ottobre 2018,
per le mani dell'Ordinario del luogo, mons Vitus Hounder.
La celebrazione si è svolta nella chiesa del Seminario vescovile,
intitolata a san Lucio.


(L'Omelia del vescovo)


(La processione d'ingresso)


(Vista del presbiterio)



(La recita dell'Ultimo Vangelo)


(Il Canto del Te Deum di ringraziamento alla fine della Santa Messa)


(Foto d'archivio: don Markus e il Coordinatore del Blog a Venezia qualche anno fa

lunedì 15 ottobre 2018

15 ottobre: santa Teresa d'Avila


Gregorio Fernandez, Santa Teresa d'Avila, 1625 ca, Museo Nacional de Escultura, Villadolid

(photo by Alessandro Franzoni)




Litanie a Santa Teresa d'Avila

Kyrie, eléison.
Christe, eléison.
Kyrie, eléison.

Christe, áudi nos.
Christe, exáudi nos.

Pater de cœlis Deus, miserére nobis.
Fili Redémptor mundi, Deus, miserére nobis.
Spíritus Sancte Deus, miserére nobis.
Sancta Trínitas, unus Deus, miserére nobis.
Sancta María, sine labe concépta, ora pro nobis.
 
Sancta Terésia, ora pro nobis.
Sancta Terésia, amóre Christi férvida, ora pro nobis.
Sancta Terésia, Beátæ Maríæ ancílla devóta, ora pro nobis.
Sancta Terésia, cultus sancti Joseph propagándi devóta, ora pro nobis.
Sancta Terésia, Dei contemplátrix altíssima, ora pro nobis.
Sancta Terésia, exul Pátriæ cœlésti ávida, ora pro nobis.
Sancta Terésia, fidélis Spíritus Sancti discípula, ora pro nobis.
Sancta Terésia, gloriósa oratiónis magístra, ora pro nobis.
Sancta Terésia, humilitátis dono conspícua, ora pro nobis.
Sancta Terésia, ingénua matris Ecclésiæ fília, ora pro nobis.
Sancta Terésia, juvándi próximum ardóre succénsa, ora pro nobis.
Sancta Terésia, láchrymis et précibus apóstola, ora pro nobis.
Sancta Terésia, magnanimitáte in árduis præclára, ora pro nobis.
Sancta Terésia, nóbili paupertátis stúdio animáta, ora pro nobis.
Sancta Terésia, obœdiéntiæ spíritu plena, ora pro nobis.
Sancta Terésia, puritáte Ángelis assimilitáta, ora pro nobis.
Sancta Terésia, quotídie pati aut mori cúpida, ora pro nobis.
Sancta Terésia, Redemptóris crucifíxi comes assídua, ora pro nobis.
Sancta Terésia, Sponsi cœléstis sponsa transverberáta, ora pro nobis.
Sancta Terésia, timóre et spe fírmiter inníxa, ora pro nobis.
Sancta Terésia, usque ad mortem anhélans ad majóra, ora pro nobis.
Sancta Terésia, víctima charitátis igne consúmpta, ora pro nobis.
Sancta Terésia, zelo glória Christi cœlis inflammáta, ora pro nobis.
Agnus Dei, qui tollis peccáta mundi. Parce nobis, Dómine.
Agnus Dei, qui tollis peccáta mundi. Exáudi nos, Dómine.
Agnus Dei, qui tollis peccáta mundi. Miserére nobis.
Christe, áudi nos.
Christe, exáudi nos.
Antiph. Sancta Mater Terésia, réspice de Cœlo, et vide, et visíta víneam istam, et pérfice eam, quam plantávit déxtera tua.

V. Ora pro nobis, sancta mater Terésia.
R. Ut digni efficiámur promissiónibus Christi.

Orémus:

Exáudi nos, Deus, salutáris noster: ut, sicut de beátæ Terésiæ Vírginis tuæ et Matris Nostræ festivitáte gaudémus; ita cœléstis ejus doctrínæ pábulo nutriámur, et piæ devotiónis erudiámur affectu.
Deus, qui illibáta præcórdia beátæ Vírginis Terésiæ sponsa tuæ, ac Matris Nostræ, ígnito jáculo transfixísti, et charitátis víctima consecrásti: ipsa interveniénte concéde, ut corda nostra ardóre Sancti Spíritu férveant, et te in ómnibus super ómnia dilígant. Qui vivis et regnas cum Deo Patre in unitáte ejúsdem Spíritus Sancte, Deus, per ómnia sǽcula sæculórum. 
Amen.

sabato 13 ottobre 2018

Ventunesima domenica dopo Pentecoste a Perugia


Santa Messa cantata alle ore 17:00,
preceduta dalla recita del Santo Rosario alle ore 16:30.
Presso la chiesa del Gesù, piazza Matteotti, a Perugia.
In orario prefestivo il sabato.
Celebrante padre Camillo Corbetta.

(photo by Alessandro Franzoni)


https://www.instagram.com/p/B3iO7pIlBqP/


VANGELO

In illo témpore: Dixit Iesus discípulis suis parábolam hanc: Assimilátum est regnum coelórum hómini regi, qui vóluit ratiónem pónere cum servis suis. Et cum coepísset ratiónem pónere, oblátus est ei unus, qui debébat ei decem mília talénta. Cum autem non habéret, unde rédderet, iussit eum dóminus eius venúmdari et uxórem eius et fílios et ómnia, quæ habébat, et reddi. Prócidens autem servus ille, orábat eum, dicens: Patiéntiam habe in me, et ómnia reddam tibi. Misértus autem dóminus servi illíus, dimísit eum et débitum dimísit ei. Egréssus autem servus ille, invénit unum de consérvis suis, qui debébat ei centum denários: et tenens suffocábat eum, dicens: Redde, quod debes. Et prócidens consérvus eius, rogábat eum, dicens: Patiéntiam habe in me, et ómnia reddam tibi. Ille autem nóluit: sed ábiit, et misit eum in cárcerem, donec rédderet débitum. Vidéntes autem consérvi eius, quæ fiébant, contristáti sunt valde: et venérunt et narravérunt dómino suo ómnia, quæ facta fúerant. Tunc vocávit illum dóminus suus: et ait illi: Serve nequam, omne débitum dimísi tibi, quóniam rogásti me: nonne ergo opórtuit et te miseréri consérvi tui, sicut et ego tui misértus sum? Et irátus dóminus eius, trádidit eum tortóribus, quoadúsque rédderet univérsum débitum. Sic et Pater meus coeléstis fáciet vobis, si non remiséritis unusquísque fratri suo de córdibus vestris.

(Vangelo di Matteo 18, 23 - 35)

Traduzione:

In quel tempo: Gesú disse ai suoi discepoli questa parabola: Il regno dei cieli è simile a un re che volle fare i conti con i suoi servi. E avendo iniziato a fare i conti, gli fu presentato uno che gli era debitore di diecimila talenti. Ma non avendo costui modo di pagare, il padrone comandò che fosse venduto lui, sua moglie, i figli e quanto aveva, e cosí fosse saldato il debito. Il servo, però, gettatosi ai suoi piedi, lo supplicava: Abbi pazienza con me, e ti renderò tutto. Mosso a pietà, il padrone lo liberò, condonandogli il debito. Ma il servo, partito da lí, trovò uno dei suoi compagni che gli doveva cento denari: e, presolo per la gola, lo strozzava dicendo: Pagami quello che devi. E il compagno, prostratosi ai suoi piedi, lo supplicava: Abbi pazienza con me, e ti renderò tutto. Ma quegli non volle, e lo fece mettere in prigione fino a quanto lo avesse soddisfatto. Ora, avendo gli altri compagni veduto tal fatto, se ne attristarono grandemente e andarono a riferire al padrone tutto quello che era avvenuto. Questi allora lo chiamò a sé e gli disse: Servo iniquo, io ti ho condonato tutto quel debito, perché mi hai pregato: non dovevi dunque anche tu aver pietà di un tuo compagno, come io ho avuto pietà di te? E sdegnato, il padrone lo diede in mano ai carnefici fino a quando non avesse pagato tutto il debito. Lo stesso farà con voi il Padre mio celeste, se ognuno di voi non perdona di cuore al proprio fratello.


sabato 6 ottobre 2018

Ventesima domenica dopo Pentecoste a Perugia


Santa Messa cantata alle ore 17:00, preceduta dalla recita del Santo Rosario alle ore 16:30.
Presso la chiesa del Gesù nei pressi di piazza Matteotti, a Perugia, in orario prefestivo.
Celebrante padre Camillo Corbetta.

(photo by Alessandro Franzoni)



https://www.instagram.com/p/BomekyLAGzO/




VANGELO

In illo témpore: Erat quidam régulus, cuius fílius infirmabátur Caphárnaum. Hic cum audísset, quia Iesus adveníret a Iudǽa in Galilǽam, ábiit ad eum, et rogábat eum, ut descénderet et sanáret fílium eius: incipiébat enim mori. Dixit ergo Iesus ad eum: Nisi signa et prodígia vidéritis, non créditis. Dicit ad eum régulus: Dómine, descénde, priúsquam moriátur fílius meus. Dicit ei Iesus: Vade, fílius tuus vivit. Crédidit homo sermóni, quem dixit ei Iesus, et ibat. Iam autem eo descendénte, servi occurrérunt ei et nuntiavérunt, dicéntes, quia fílius eius víveret. Interrogábat ergo horam ab eis, in qua mélius habúerit. Et dixérunt ei: Quia heri hora séptima relíquit eum febris. Cognóvit ergo pater, quia illa hora erat, in qua dixit ei Iesus: Fílius tuus vivit: et crédidit ipse et domus eius tota.

(Vangelo secondo Giovanni 4, 46 - 539

Traduzione:

In quel tempo: Vi era a Cafàrnao un certo regolo, il cui figlio era malato. Avendo udito che Gesú dalla Giudea veniva in Galilea, andò da lui e lo pregò perché andasse a sanare suo figlio, che stava per morire. Gesú gli disse: Se non vedete miracoli e prodigi non credete. Gli rispose il regolo: Vieni, Signore, prima che mio figlio muoia. Gesú gli disse: Va, tuo figlio vive. Quell’uomo prestò fede alle parole di Gesú e partí. E mentre era già per strada, gli corsero incontro i servi e gli annunziarono che suo figlio viveva. Allora domandò loro in che ora avesse incominciato a star meglio, e quelli risposero: Ieri, all’ora settima, lo lasciò la febbre. Il padre allora riconobbe che quella era l’ora stessa in cui Gesú gli aveva detto: Tuo figlio vive. E credette lui e tutta la sua casa.


mercoledì 3 ottobre 2018